· 

Robin Self made

Questo in foto è il primo sacco di Robin Red Haiths che comprai in società con l'amico Sandro nel lontano 1996.

Una spedizione costosissima per ricevere circa 23 kg. di prezioso pastoncino che sarebbe finito, in dose del 10%, nel nostro strategico birdfish per fiumi e canali.

Non vi era altro modo di avere questo ingrediente esclusivo e protetto da brevetto e marchio registrato che ò'acquisto diretto in Inghilterra dal famoso mulino.

Poi nel 2002 nacque Big Fish che divenne subito importatore ufficiale dei prodotti Haiths per l'Italia e riuscii quindi a sfruttare un canale commerciale più fruibile e soprattutto ad avere un interazione diretta con i tecnic del marchio.

Avevo già avuto scambi con Haiths grazie all'intercessione di Richworth, (di cui ero tester ufficiale per l'Italia) che negli anni '90 era uno dei loro più grossi clienti come volumi mossi.

Questo mi permise di avere info abbastanza approfondite sulla composizione del "Rosso" più famoso del mondo, e di potermi quindi chiarire le idee sul perchè fosse così funzionale e valido in pesca.

Il Robin Red è una miscela di spezie (paprika in primis) zuccheri, oli e ingredienti pigmentanti.

Un mix di nutrienti e appetanti esplosivo valido per tutti i ciprinidi maggiori (gli stessi ingredienti vengono usati nelle pasture da competizione per la pesca al colpo).

Nel corso degli anni la composizione è cambiata (secondo me) almeno 4 volte per adattarla al cambio di normative vigenti in Inghilterra (dove nel frattempo erano divenuti fuori legge alcuni ingredienti) prima, e quelle Europee poi.

 

(clicca qui per vedere la pillola video dove parlo del Robin Red originale)

 

Non dimentichiamo che il mulino Haiths produce mangimi e si deve attenere a rigide regolamentazioni che una volta venivano bypassate dalla dicitura "non destinato all'alimentazione animale" ma che ora non possono più venir disattese neppure con la fantomatica etichetta "hook bait" che tecnicamente può essere applicata solo a piccoli cambiamenti.

Le modificazioni non sono sempre andate a genio a tutti! Io per esempio avevo già iniziato ad impostare un sostituto avvalendomi della consulenza ed opera dei tecnici ornitologici a cui mi appoggiavo per lo sviluppo dei pastoni professionali che usavo nelle ricette dei mix commerciali.

Nel mio libro The Bait Guru descrivo in maniera dettagliata gli ingredienti che compongono il pastone in funzione dello sviluppo che provai.

 

(link diretto al libro The Bait Guru)

 

In questo articolo blog che segue la video ricetta sulla realizzazione pratica del pastone

 

(clicca qui per la video ricetta del Robin supermarket)

(clicca qui per la video ricetta del Robin Self)

 

Non cercheremo di fare la copia esatta ma un ottimo compromesso come gusto e attrazione rispetto all'originale con ingredienti di facile reperibilità ed economici.

Per ottimizzare il processo non utilizzo quantità di farine spezzate o ambigue, ma arrotondo alle confezioni che ho trovato commercialmente per non avere sprechi o avanzi.

Il mio obbiettivo è creare un prodotto più pratico dell'originale e darvi lo spunto per arrivare , se volete, ad una replica quasi perfetta...vi basta seguire queste istruzioni, tenere in considerazione che la paprika va alzata e magari leggere il capitolo specifico del libro...

Ricordo che non stiamo creando un mix, ma un ingrediente (pastoncino) che verrà usato per fare dei mix.

Il primo progetto denominato "supermarket" è una versione low cost con tutti gli ingredienti reperibili in super mercato.

Una scelta ideale per chi inizia e per chi vuole creare un rosso speziato adatto a combinare birdfood mix, birdfish mix e red fish mix basilari.

L'ingrediente più caratterizzante è la paprika forte acquistabile in sacchetti da 1 kg. negli ipermercati stile Tosano per intenderci a prezzo molto competitivo, circa 7-8 euro. Nell'originale c'è un grosso quantitativo di questa spezia che certamente supera il 30-40 % del totale.

Per creare un pastoncino facilmente modulabile useremo i biscotti savoiardi, ne serviranno 500 grammi nella versione più economica da discount a circa 1 euro al kg.

Infine ci serve 1 kg. di muscovado, uno zucchero grezzo di canna che descriverò dopo.

Infine ci metterò un tocco di spezie da 50 grammi scegliendo la noce moscata che è una delle spezie che preferisco.

Il gioco è presto fatto...si macinano i savoiardi, si spruzzano con 50-100 ml. di olio di oliva piccante al peperoncino (scegliete la dose in base alla piccantezza che desiderate), quindi mescolate il muscovado, il biscotto umidificato e la paprika grattugiando i grumi di muscovado e amalgamando per bene. Infine si agita bene il tutto in un bidoncino sufficientemente capiente aggiungendo pure la noce moscata.

Ed il gioco è fatto...

 

Il nostro Robin self professionale è più complesso e gli ingredienti non si trovano solo al super mercato. c'è da cercare on line, nei negozi di ornitologia, nel negozio di pesca e anche al super mercato.

 

La base è dettata da 3 ingredienti solidi di gusto e nutrimento su cui impostare l'intero progetto .

Iniziamo da un ingrediente molto noto ai garisti della pesca al colpo, una farina chiamata Epiceine, aromatica e zuccherina leggermente speziata che può essere sostituita anche con il Pain d'epices, altra polvere simile. Questi ingredienti si trovano comodamente nei negozi di pesca e Decathlon sotto varie marche, fra cui Sensas, Van den eyden, Trabucco ecc.

Il secondo ingrediente è il pane...la base di tutti i pastoni e pasture. pane tostato macinato anche grossolano (anche questo si trova come ingrediente per pasture anche in colore rosso, oppure basta ricorrere al fornaio o super mercato).

Il terzo ingrediente è il Muscovado (leggi su wikipedia di cosa si tratta cliccando qui) uno zucchero di canna molto grezzo e ricco di melasso, denso, appiccicoso e umidiccio, fonte di nutrienti e di gusto (sostituibile con la farina di melassa che però è diversa come sapore).

La parte speziata del pastone è composta principalmente da paprika dolce che nell'originale copre quasi il 50% del pastone, mentre nel nostro caso sarà dosata in maniera più consona a renderlo più fruibile e utilizzabile in quantitativi maggiori.

Ci sono poi curry e coriandolo in polvere.

Sempre come aromatico gustativo ci mettiamo anche il caffè che è stato per anni l'incognita che non riuscivo a scoprire e che ho individuato grazie ad un amico enologo a cui feci annusare il pastone originale e che vi trovò chiaramente alcuni ingredienti che a me erano passati inosservati.

Questa categoria di professionisti ha il naso allenato a riconoscere tante sfumature di gusto speziate e il mio amico individuò chiaramente caffè, cannella e vaniglia (che però non inseriremo).

L'ultima spezia della lista sarà il peperoncino piccante che verrà introdotto in forma liquida usando un olio di oliva aromatizzato con peperoncino infuso. Se volete una buona dose di piccantezza potete usare olio di habanero anche auto-prodotto.

 

(clicca qui per un tutorial su come produrre olio di habanero)

 

Non possiamo inserire la polvere macinata per la moka che è troppo amara e acida e dovremo utilizzare il preparato liofilizzato per caffè istantaneo che si scioglie in acqua.

Veniamo quindi alla famigerata componente pigmentante che caratterizza in termini chimici questa miscela. Ci interesserà inserire il licopene, la cantaxantina (carophilla rossa), gli antociani, i flavonoidi e la betaina.

Per inserire queste sostanze ci procureremo la carophilla rossa dal settore ornitologico dove viene impiegata per colorare di rosso il piumaggio dei canarini, il triplo concentrato di pomodoro per il licopene e altri carotenoidi e la farina di barbabietola rossa ricca di flavonoidi e antociani (che si può sostituire con il peperone in polvere che però è più difficile da trovare).

Per prima cosa mescoliamo il pane, l'epiceine e il muscovado che vanno setacciati per rompere gli eventuali grumi.

Poi inseriamo le spezie in polvere e rimescoliamo il tutto e quindi passiamo alla componente umida.

La carophilla rossa si scioglie in 50 ml. di acqua che poi vengono emulsionati con 150 ml. di olio piccante. 

Si devono quindi distribuire con uno spruzzino sulle farine fino a farle assorbire per ben, settacciando il tutto per eliminare eventuali grumi.

In questa fase consiglio anche l'introduzione di 20 grammi di Vitamina C sciolta anch'essa nell'acqua come ulteriore azione antiossidante se si vuole produrre tanto pastoncino e poi conservarlo.

Si conclude infine con il triplo concentrato di pomodoro che deve a sua volta venir assorbito dalle farine.

In questa fasi mi miscelazione conviene usare un trapano a frusta che ci semplifica notevolmente la vita in caso di grosse quantità.

Veniamo alle dosi seguite nel video che vi ricordo essere ottimizzate per i confezionamenti degli ingredienti ( e che possono essere ovviamente variate a piacere sbizzarrendosi in versioni più speziate, più piccanti oppure più dolci).

  • 1 kg. di Epiceine
  • 500 grammi di Muscovado
  • 400 grammi di Paprika dolce
  • 400 grammi di pane tostato
  • 250 grammi di barbabietola rossa polvere
  • 100 grammi di caffè solubile
  • 85 grammi di Curry
  • 55 grammi di coriandolo
  • 25 grammi di Carophilla rossa
  • 150 ml. olio d'oliva piccante
  • 50 ml. acqua

Ad ottenere poco più di 3 kg. di Robin self made.

Questo ingrediente verrà dosato da 10 a 30% per realizzare Red Birdfood , Red fish ecc. con dosaggi quindi leggermente più elevati dell'originale.

Prossimamente proporrò alcune ricette di riferimento, dal semplice birdfish mix al birdfood rosso speziatone da caccia.

Vi lascio come sempre alla gallery fotografica.

A presto con una nuova video ricetta per realizzare un robin red mix supermarket usando il pastone che abbiamo appena imparato a fare.

 Nei miei libri potete trovare varianti di mixes e ricette più tecniche in funzione delle vostre esigenze più particolari.

(clicca qui per vedere il contenuto dei libri)